Rifiuti e bugie

carta-orroreLa RD va sempre peggio e l’assessore Pisu mente ai cittadini.

L’entusiasmo con cui comunica la riduzione dei rifiuti, infatti, è del tutto fuori luogo: è chiaro che una diminuzione delle quantità di tutte le tipologie a cui non corrisponda un aumento della percentuale di differenziata non è un processo virtuoso, ma piuttosto una conseguenza della crisi economica.

Eh sì, perché quando la gente sta peggio, consuma di meno, e quando consuma di meno, produce meno rifiuti. È statisticamente provato (e non ci vuole certo un genio a capire perché).

Confrontando l’ultimo trimestre dell’amministrazione precedente (aprile-giugno 2015) e quello più recente (settembre-novembre 2015) salta all’occhio che la raccolta differenziata è scesa di quasi 2 punti, facendo tornare il dato ai valori dell’inizio del 2015. Pochi mesi e il lavoro di un anno è stato annullato. Era questo il metodo infallibile che sbandierava l’assessore al tempo del suo insediamento? Se lo è, caro Andrea Pisu, non sta funzionando!

I rifiuti per strada ci sono ancora, nonostante gli operatori ormai raccolgano praticamente tutto senza curarsi che siano rispettate anche solo le più banali norme di conferimento (buste semitrasparenti per il secco e assenza dei materiali riciclabili nei rifiuti indifferenziati, per esempio). I cittadini meno sensibili hanno mangiato la foglia e hanno smesso di separare. Gli altri, meno stimolati perché vedono l’andazzo, pian piano rinunciano al pur piccolo sforzo di differenziare correttamente.

E abbiamo anche notato la quasi totale sparizione delle spazzatrici meccaniche che, a parte le vie principali, non sembrano più lavorare secondo il calendario previsto dal contratto. Dove sono finite? Anche quei rifiuti – nel 2015 erano circa 280 tonnellate – sono diminuiti: ovvio, visto che hanno smesso di raccoglierli. Si fa presto, dunque, a dichiarare riduzioni inesistenti…

L’assessore Pisu, invece, trascurando il fatto che nei primi 6 mesi del suo mandato ha riportato Sestu indietro di un anno, si vanta su Facebook dei grandi risultati e, sempre su Facebook, risponde piccato alla consigliera Anna Crisponi, rea di aver fatto notare che non c’era nulla da festeggiare.

Le critiche non piacciono all’assessore, che pure non ne ha lesinate verso di me e l’amministrazione di cui facevo parte prima di assumere il ruolo che ricopre ora. Ma allora erano critiche costruttive in nome del miglioramento della nostra comunità, ora invece sono giudizi che danno fastidio. Strano vero?

Rifiuti: punto a capo o punto di non ritorno?

2015-11-10 13.26La raccolta differenziata a Sestu va sempre peggio.
A ottobre è scesa ancora: 70,45%.

I dati parlano chiaro
A poco meno di 4 mesi dall’insediamento della nuova Amministrazione cominciano a vedersi i risultati della politica del nuovo Assessore all’Ambiente, che ha sempre affermato: “prima il decoro, poi la fermezza delle regole”.

E i cittadini più pigri rispondono smettendo di separare i rifiuti, tanto è chiaro che viene ritirata qualsiasi cosa messa nella busta del secco (quale che sia la busta, anche nera).

Cominciano i meno sensibili alle questioni ambientali, seguono gli altri, sempre meno motivati a far bene. È evidente: il secco della raccolta domiciliare lievita a discapito delle altre frazioni. Il secco ha quasi raggiunto le quantità di agosto, quando però era stata ripulita una delle discariche abusive più grandi del territorio. C’è solo un modo per leggere questi dati: i sestesi separano sempre meno i loro rifiuti.

La linea politica è evidente
Si è scelto di non far scendere la TARI (si poteva fare, bastava non caricare il piano finanziario della gestione dei rifiuti di costi del 2014 non direttamente connessi a quel servizio); si potenziano i servizi di svuotamento dei cestini invece che disincentivarne l’uso come se fossero cassonetti dell’indifferenziato o dell’umido; si decide di continuare ad aggravare i costi (ad esempio decidendo di acquistare nuovamente le buste del secco, che costano quasi 40.000 euro all’anno).

Ma soprattutto, si è scelto – e l’Assessore Pisu se n’è persino fatto vanto – il decoro urbano a qualunque costo invece che continuare a lavorare sull’educazione dei cittadini.

Punto e a capo? Ma quando mai, si torna indietro!
Girando per le strade di Sestu – dentro il centro urbano e nelle campagne – non pare di poter esultare per la svolta “liberista” dell’Assessore. Le strade sono nelle condizioni di prima, i cestini stradali traboccano di buste di rifiuti domestici indifferenziati, l’abbandono di spazzatura di ogni genere nelle campagne è ben lungi dall’essere un fenomeno dimenticato… Hanno solo smesso di fare le foto, la versione 2.0 della polvere sotto il tappeto.

Hai voglia di promettere “il potenziamento delle attività di informazione e formazione da rivolgere, soprattutto, agli allievi della scuola” (vedi le dichiarazioni programmatiche a pagina 12): quando quella formazione produrrà finalmente comportamenti virtuosi diffusi, saremo sommersi dai rifiuti.

I cittadini saranno sì al centro, ma di una discarica spaventosa.

Rifiuti abbandonati e altre favole

rifiuti abbandonatiNel 2014 abbiamo raccolto e smaltito 7.350 tonnellate di rifiuti e abbiamo speso, fra raccolta, smaltimento e servizi accessori, poco meno di 2,9 milioni di euro.

Siamo però in premialità – grazie all’ottimo risultato della raccolta differenziata – e quindi ci saranno scontati circa 120.000 euro che si aggiungono ai 80.000 euro di risparmio sugli smaltimenti.

Stimiamo che per raccogliere e smaltire tutti i rifiuti abbandonati nell’intero territorio sestese servano fra i 300.000 e i 500.000 euro. Se potessimo spenderli tutti insieme– e non è così facile perché c’è una questione di patto di stabilità – dovremmo aumentare la TARI a tutti i cittadini del 10-15%.

Chi è disposto a pagare di più per consentire agli incivili di continuare a non rispettare le regole?

Continua il gioco di Capitan Eco

capEco_2Altri 15 giorni per raccogliere le Ecomonete di Capitan Eco.

Continua il concorso per le quarte e le quinte elementari di tutte le scuole di Sestu: portando i rifiuti all’Ecocentro le famiglie degli alunni potranno ricevere le Ecomonete e un timbro sulla tessera che permetterà di identificare le 25 famiglie più virtuose. Queste riceveranno uno sconto di 50 euro sulla tassa rifiuti del 2015.

La raccolta delle Ecomonete sta andando benissimo. Ci sono classi che hanno il salvadanaio colmo e che continuano ad accumulare Ecomonete ed Ecoassegni. La gara fra classi è importante e i bambini spingono genitori, zii e nonni a contribuire alla raccolta.

Era proprio questo lo scopo del progetto: avvicinare quante più persone all’Ecocentro Comunale, così che potessero vedere quanto è comodo e semplice portarci quei rifiuti che non possono essere ritirati porta a porta e anche tutti i rifiuti della raccolta domiciliare che eccedono la capacità dei bidoni.

A marzo raccolta differenziata al 71,21%

trendpositivoArrivano i dati ufficiali: la raccolta differenziata a Sestu supera il 70%. Nel mese di marzo i rifiuti differenziati sono stati il 71,21% del totale e nel primo trimestre dell’anno il dato medio arriva al 70,08%.

Per il sesto trimestre consecutivo Sestu si guadagna la premialità prevista dal Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti, che prevede l’abbattimento del 30% della tariffa di smaltimento del secco indifferenziato. Si tratta di un risparmio notevole che ridurrà i costi generali del servizio di igiene urbana ambientale che ogni anni suddividiamo fra cittadini e imprese attraverso la tassa sui rifiuti.

Grazie all’impegno dei cittadini, degli uffici comunali, degli operatori, degli agenti di polizia locale e dei barracelli abbiamo potuto raggiungere un risultato così ambizioso. E possiamo ancora migliorare: Sestu può ambire a diventare uno dei comuni virtuosi della Sardegna, un obiettivo realizzabile nel breve periodo.

Pasqua differenziata (riedizione 2015)

 

 

Ripropongo il post dell’anno scorso: Soprattutto in questi giorni, meglio abbondare…

uovadipasquaPer non smentirci nemmeno il giorno di Pasqua, qualche informazione su dove gettare gli imballaggi delle uova di cioccolato. In molti, infatti, restiamo perplessi davanti al tipico involucro frusciante: sarà plastica o alluminio?

Le uova industriali in commercio di solito sono confezionate con un foglio di poliaccoppiato (plastica e alluminio): lo riconosciamo dal fatto che all’esterno è colorato o decorato in vario modo e all’interno è argentato. Guardandolo in controluce è leggermente trasparente. Le uova artigianali, invece, hanno generalmente un involucro interno di allumino e uno esterno di plastica trasparente colorata. COREPLA, il Consorzio per il recupero e riciclo degli imballaggi di plastica, consiglia di gettare gli incarti di poliaccoppiato e di plastica fra i rifiuti, appunto, di plastica. Quindi, nella nostra busta azzurra.

Il foglio di alluminio delle uova artigianali (o di quelle più piccole in commercio) va gettato nel bidone giallo delle lattine, mente invece il supporto “a cono” delle uova deve essere smaltito nella plastica, così come l’eventuale ovetto di plastica che contiene la sorpresa. Ricordiamo, anche se non è necessario, che eventuali etichette e fascette di cartoncino devono essere messe nel bidone bianco della carta.

Nastri e laccetti con l’anima metallica, invece, devono essere gettati fra i rifiuti indifferenziati.

Alcune uova artigianali hanno un incarto di tessuto non tessuto, detto TNT, un materiale morbido e resistente, usato dalle pasticcerie e cioccolaterie perché è adatto alle alte temperature. In questo caso l’incarto va gettato nel secco poiché non è riciclabile.

Ma visto che non tutto ciò che è imballaggio deve per forza essere considerato un rifiuto, possiamo riusare quasi tutte le parti non commestibili dell’uovo di pasqua per altri scopi. Ad esempio, i quadrati di plastica o poliaccoppiato sono ottimi per costruire degli aquiloni, per foderare i cassetti (in questo momento molti di noi sono alle prese col cambio di stagione) o ancora come tovaglia impermeabile per il tavolo dei giochi dei bambini. I vasetti e gli ovetti di plastica possono avere una nuova vita: qui alcune ottime idee.

Tutti all’Ecocentro con Capitan Eco!

capECO

Nella prima settimana del gioco di Capitan Eco, oltre 200 famiglie hanno visitato l’Ecocentro per conquistare le ecomonete da mettere nel salvadanaio che i bambini delle quarte e quinte elementari hanno in classe.

Fino a fine aprile gli alunni di quarta e quinta di tutte le scuole primarie di Sestu partecipano al gioco il Tesoro di Capitan Eco: raccoglieranno le ecomonete ogni volta che loro o i loro famigliari andranno all’Ecocentro, ricevendo:

  • 3 ecomonete in cambio di ogni rifiuto ingombrante come mobili (smontati), oppure grandi elettrodomestici (televisori, computer, impianto stereo, ecc.) e ogni 1,5 litri di olii o grassi alimentari;
  • 2 ecomonete per ogni ogni R.A.E.E. (rifiuto da apparecchiatura elettrica o elettronica) di piccole dimensioni (ferro da stiro, asciugacapelli, lettore MP3, videocamera, telefoni cellulari, ecc.);
  • 1 ecomoneta in cambio di ogni neon o lampadina, 4 pile esauste, 3 bombolette spray, ogni confezione di farmaco scaduto.

I bambini sono invitati a prestare la loro scheda a parenti e amici: più ecomonete riceveranno, più possibilità avranno di far vincere la propria classe!