Che fine hanno fatto i risparmi sulla raccolta differenziata?

cestino01Stanno arrivando le lettere della TARI e i sestesi scoprono che non solo tutte e quattro le rate sono già scadute, ma che non ci sono risparmi sulle tariffe. L’avevo già scritto qui: si è scelto di non abbassare i costi della tassa sui rifiuti pur avendo a disposizione dei risparmi di gestione notevoli.

Da assessora avevo detto e scritto più volte che era conveniente aumentare la quota di raccolta differenziata e avevo anche pubblicato i costi, i risparmi e le premialità che eravamo riusciti a ottenere grazie all’impegno dei cittadini. Ma amministrare significa prendere delle decisioni per tutti e questa amministrazione ha fatto le sue scelte.

Ritornare alle buste del secco (40.000 euro all’anno), potenziare la raccolta di tutti i rifiuti anziché controllare che siano separati bene (5% di raccolta differenziata in meno in solo 6 mesi!), aumentare la frequenza dello svuotamento dei cestini stradali incentivando così quei cittadini che li usano come cassonetti dell’indifferenziato disponibili tutti i giorni: sono decisioni che hanno un costo e che pesano sulla tassa che noi cittadini paghiamo. Sono scelte politiche che dimostrano quanta attenzione per il cittadino ha l’amministrazione in carica che pure si vanta di averlo messo al centro.

Sarà forse che per loro mettere il cittadino al centro significa non controllare che le regole del vivere civile siano rispettate anche a costo di scontentare qualcuno; sarà che forse pensano che le cartoline poetiche con cui riempiono i social network bastino a far nascere spontaneo un senso civico che troppi dimostrano di non avere; sarà che l’ambiente non è certamente una priorità né sembra esserlo il risparmio a esso legato. Sta di fatto che i risultati si vedono sulle nostre bollette TARI.

Tutto questo mentre la raccolta differenziata continua mese dopo mese a scendere: così che l’anno prossimo potremo godere di un ulteriore aumento della TARI.

Complimenti, ottimo lavoro!