SERR – la scuola primaria controlla lo spreco alimentare

IMG_0381.JPG Quasi 200 alunni delle scuole primarie del I e II circolo parteciperanno all’azione “Diario dello spreco Alimentare” che il Comune di Sestu ha inserito nel suo programma per la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti.
Si tratta delle classi del tempo pieno che, per una settimana, compileranno il diario segnando tutto il cibo che, non consumato, diviene rifiuto. Indicheranno il tipo di alimento, la quantità che viene gettata via, il motivo per cui non si è mangiato e dove viene buttato, sia per i pasti a scuola, sia per quelli in famiglia. Alla fine della settimana, analizzati i questionari della classe, si terrà un incontro in aula durante il quale si discuterà con i bambini del problema dello spreco di cibo e si daranno loro informazioni visuali sull’impatto quantitativo e qualitativo dello spreco di quella classe in particolare e del nostro Paese in generale.
Sarà anche un’occasione per parlare di comportamenti virtuosi che evitano lo spreco e di impronta ecologica, cioè del peso che ogni persona – col proprio stile di vita – ha sull’ambiente.
Lo spreco alimentare è un problema gravissimo, specialmente nel nostro “primo mondo” che getta via un terzo del cibo che produce. Le cause dello spreco di cibo sono tante, dagli scarti di produzione fino agli errori dei consumatori (acquisti eccessivi, cattiva conservazione, ecc.). Una infografica dell’Agenzia Europea per l’Ambiente mostra chiaramente quali sono le fonti dei rifiuti alimentari nell’UE.
Ogni cittadino, con poca attenzione in più, può dare un contributo importantissimo alla riduzione degli sprechi di cibo. E l’informazione e la sensibilizzazione su questi temi non possono che partire dalla scuola. Gli studenti che mangiano in mensa troppo spesso vedono parte del cibo che viene servito gettato via a fine pasto. Un esempio pessimo per i bambini che non imparano a dare il giusto valore alle risorse o a essere consapevoli dell’impatto che le loro scelte personali hanno sul pianeta.
Il “Diario dello spreco alimentare” è un piccolo passo, ma potenzialmente determinante per creare futuri cittadini consapevoli, rispettosi dell’ambiente e virtuosi nei comportamenti.

Annunci

Un pensiero su “SERR – la scuola primaria controlla lo spreco alimentare

I commenti sono chiusi.