Focus rifiuti: farmaci scaduti

Come NON buttare i farmaci scaduti

Come NON buttare i farmaci scaduti

Fra i rifiuti ritirato attraverso il servizio di raccolta differenziata ci sono i farmaci scaduti.
Siamo costretti ad acquistare confezioni di farmaci troppo grandi rispetto alle nostre necessità e decine di pillole o flaconi mezzi pieni di medicinali restano nei nostri armadietti per mesi o anni senza che ne abbiamo di nuovo bisogno.
Tuttavia, i medicinali non possono essere gettati fra i rifiuti domestici perché possono contenere ingredienti pericolosi o tossici se trattati con i normali metodi di gestione della spazzatura.
Per questo motivo possiamo portare i nostri farmaci scaduti all’Ecocentro o metterli negli appositi contenitori fuori dalle farmacie del paese.
Un solo accorgimento: le scatole e i foglietti illustrativi (i cosiddetti “bugiardini”) devono essere messi nel nostro bidone bianco: sono di carta e vanno separati come tutti gli altri rifiuti di questo materiale.
Nel contenitore dei farmaci devono essere messi solo i flaconi o i blister.
Se il contenitore è pieno non lasciare mai i farmaci fuori o sopra, ma è obbligatorio riprenderli (o portarli all’Ecocentro). È importantissimo che i farmaci non restino alla portata di chiunque passi nelle vicinanze: la nostra leggerezza potrebbe essere pericolosissima, per esempio, per un bambino che, curioso, potrebbe ingerirli.
Siamo tutti e sempre responsabili dei rifiuti che produciamo. Stiamo attenti a come li gettiamo via!

Annunci